Appunti e Spunti

Puppies: sta per arrivare un cucciolo di cane!

La scelta è fatta e sta per arrivare un cucciolo di cane. Come cambierà la vostra vita e la vostra casa? Consigli e suggerimenti per un inizio sereno insieme

Verso la fine della quarantena abbiamo deciso, perdendoci a tratti anche il sonno, di accogliere nella nostra casa e nella nostra vita un cucciolo di bassotto.  

Già è difficile gestire un cane, figuratevi un bassotto, razza testarda per eccellenza. Ma che dire, a noi piacciono le sfide e così alla fine è arrivata Heidi.

Io sono da sempre un’amante degli animali, ma anche della mia casa. Ho sempre avuto il gatto sin da piccola, quindi di fatto questa è la mia prima esperienza canina. Due mondi completamente diversi.

La decisione presa, se da una parte mi provocava gioia, soprattutto perché il “mondo cane” sarebbe stata una nuova scoperta a 360 gradi, dall’altra il sol pensiero di trasformare la mia casa a misura di cucciolo, non mi andava proprio giù.

Nonostante le paure iniziali, mi rimarrà per sempre impresso il momento in cui i miei occhi si sono incrociati a quelli di Heidi.  È stato amore a prima vista e da lì è iniziata l’avventura.

Se anche tu stai pensando di fare questa scelta, hai tutto il mio sostegno ed ecco per te alcuni suggerimenti per affrontare i primi tempi con il tuo cucciolo nella maniera più serena possibile.

LE PRIME NOTTI

Un cucciolo, per almeno le prime 3-4 notti, se va bene, non vi farà dormire, mettetevela via e tappatevi le orecchie.

Si troverà da solo, senza la mamma, senza i suoi fratelli e la sensazione di abbandono prenderà il sopravvento una volta arrivato il buio.

Come risolvere questa questione?

Cercate di capire fin da SUBITO dove volete farlo dormire: se il letto per voi sarà OFF LIMITS (come noi ci siamo imposti), dategli questo dictat immediatamente e non accoglietelo tra le lenzuola. Cercate di essere chiari e di non confonderlo, sempre. Questo vale per tutto.

Il nostro obiettivo era quello di farla dormire nel soggiorno, quindi sin dalla prima notte abbiamo messo la cuccia in un angolo tranquillo con una coperta soffice. Sono state 3 notti infernali: ululati, abbai, urli e chi più ne ha più ne metta, ma non abbiamo mai ceduto. Non siamo mai andati a consolarla, ma non nego la fatica che abbiamo fatto! Ora, Heidi è un cane che la notte sta tranquillamente in salotto con porta aperta, senza battere ciglio.

Se preferite tenerlo con voi nella camera da letto, nessuno vi vieterà di mettere la sua cuccia al bordo del letto e tenergli la mano vicina di modo che senta la vostra presenza, oppure, se per voi non fa differenza potete farlo dormire direttamente sul letto.

Questa è sicuramente la via più facile. Dipende tutto da quale impostazione educativa volete dargli.

ORDINE E PULIZIA

Questo per me è uno dei punti più dolenti perché, a distanza di tempo, dall’arrivo di Heidi non ho ancora riposizionato i tappeti nella loro postazione originale, senza contare che la casa è perennemente per aria.

Ammetto che questo un po’ mi infastidisce perché tengo molto ad avere una casa ordinata e profumata, ma ci sto lavorando.

Cercate di “confinarlo”, non dategli accesso a tutta la casa, apritegliela poco per volta sia per non confonderlo, sia per farlo sentire più sicuro.

Passo aspirapolvere e straccio più volte al giorno utilizzando il detergente per pavimenti Amuchina all’ aloe che adoro, cambio le traversine e lavo le sue coperte almeno una volta alla settimana. Cerco di tenere in ordine il più possibile anche se, e a volte non nego, mi capita di chiudere gli occhi. Tutto non è impossibile, ma è chiaro che non sarà proprio come prima. Anche qui, armatevi di pazienza.

DEIEZIONI

Far si che il cucciolo impari a fare i propri bisogni fuori, per quel che ci riguarda, è ancora un argomento di difficile discussione.

Fate i conti che il vostro piccolo è esattamente come un bambino, ancora non ha il controllo degli sfinteri, quindi succederà spesso che faccia i bisogni sparsi per casa, ABBIATE PAZIENZA!

Ecco alcuni suggerimenti che possono aiutarvi:

  • Dategli il tempo per far si che lui impari;
  • Mettete le traversine in determinati punti della casa, ma non più di due. Nel tempo dovrà diventerà una, vedrete che piano piano si abituerà a farla solo in quel posto (più o meno);
  • cercate di dare orari precisi alle “uscite bagno” e premiatelo tutte le volte che espleta i suoi bisogni fuori: premietti, feste, giochi e tanta tanta festa;
  • Abituatelo ad un’ultima uscita prima di andare a letto. Capirà nel tempo che quella è l’ultima chance per poter fare quello che deve fare;
  • Non dimenticatevi mai i sacchettini per raccogliere le deiezioni che il vostro cucciolo farà in giro. Raccogliete sempre tutto e buttate acqua sulla pipi che farà per strada. Abbiate rispetto per chi il cane non ce l’ha.

GIOCO & AGGRESSIVITA’

Attraverso il gioco cercate di insegnare al vostro cucciolo a comportarsi. Per questo, in prima battuta, non utilizzate comportamenti che stimolino l’aggressività, come per esempio togliere con la forza il gioco dalla bocca, NON FATELO MAI! Non strappateglielo, insegnategli che quando chiedete di lasciare deve lasciare.

Abituate il vostro cucciolo premiandolo e mai punendolo, fate scorta di premietti, e assisterete a dei piccoli miracoli. Chiaro che la punizione o la “sgridata” capiterà ci sta e ci deve essere, deve comunque imparare a comportarsi e a capire che voi siete il “capobranco”.

Dategli tanti giochi che possa masticare, palline, gomme, orsetti, etc, variateli, scambiateli di modo che a lui sembrino sempre nuovi.

Per aiutarvi fate una ricerca on line o comprate libri sull’argomento, vi saranno molto utili! Oppure valutate l’iscrizione ad un Puppy class.

SOLITUDINE

Mettete in conto che il cane deve imparare a stare a casa da solo.

Parto dal presupposto che, se già sapete di essere fuori di casa 12/13 ore al giorno, vi prego: non prendete un cane, lo farete solo soffrire. Gli animali domestici hanno bisogno di compagnia e di qualcuno che si prenda cura di loro. In ogni caso, nella nostra vita dobbiamo lavorare e ci sta che il nostro amico stia diverse ore da solo. Abituatelo gradualmente alla solitudine, uscite di casa per 10 minuti, poi per 20, poi per 30, ma fatelo subito! Altrimenti sarà molto difficile abituarlo.

Ci sono certe cose che vi recheranno sacrificio morale, non è piacevole sentire il vostro cucciolo piangere, ma è necessario farlo per avere un cane indipendente e sereno in futuro.

Prendetevi qualche giorno di ferie quando arriverà il cucciolo, di modo da cominciare ad instaurare una relazione di fiducia e per farlo sentire più sicuro.

DOG BUDGET

Avere un cucciolo costa.

La prima voce del vostro dog-budget saranno le cure veterinarie ordinarie, ma anche straordinarie (speriamo il meno possibile). Rispettate le scadenze delle vaccinazioni, abbiate cura del vostro cane per mantenerlo in salute.

Tra le spese ci sarà anche il “corredo”: cibo, cuccia, traversine, salviette umide, giocattoli a volontà, guinzaglio, medaglietta con numero di telefono, premietti, shampoo, spazzole, etc etc.

Sto per svelarvi una notizia che non vi piacerà moltissimo: i prodotti per animali costano un sacco, quasi come quelli per i bambini! Se volete risparmiare comprate qualcosa on line e/o tenete d’occhio le offerte nel vostro negozio di fiducia.

SOCIALIZZAZIONE

Abituatelo sin da subito a socializzare con tutti, siano essi cani e persone.

Subito dopo le vaccinazioni più importanti, portatelo a passeggio, portatelo fuori, anche se, in prima battuta cercate di non esagerate a frequentre luoghi troppo affolati, tipo le aree cani! Non spaventatelo, chiaro è, che dipende sempre anche da che tipo di cane avete.

Se di primo acchito troverete un cane restio, ci sta, servono i tempi giusti. Vedrete che piano piano il vostro cane comincerà a non essere spaventato né dai suoi simili e né dalle persone.

Fate attenzione ai bambini che di solito tendono ad essere più esuberanti con i cuccioli, potrebbero spaventarsi.

MACCHINA

Lo stesso vale per la macchina. Fategli conoscere la macchina da subito e imparerà ad amarla. Potrebbe capitare un vomitino qua e là, ma non preoccupatevi anche i cani soffrono il mal d’auto.

Heidi, per esempio, non appena apro lo sportello sale e non appena tocca il sedile dorme come un ghiro.

Cercate sempre di stimolare, in ogni cosa che farete con lui e per lui, il ricordo positivo.

Parto dal presupposto che, ogni cane è diverso, ogni cucciolo ha un suo carattere, tutto quello che vi ho scritto sono consigli dettati dalla mia esperienza per darvi qualche tips utile se anche voi avete deciso di buttarvi in quest’avventura.

Armatevi di pazienza, donate il vostro tempo, sappiate che un cane ha bisogno di attenzioni, di coccole, ma anche di un padrone autorevole da stimare.

Il vostro cane si fida di voi, vi ama incondizionatamente e vi assicuro che non ne potrete più fare a meno. È proprio in questo momento che il vostro amico a 4 zampe ha fatto bingo e sarà normale trattarlo come il re o la regina della casa!

Welcome Fido!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *