FERRARA in love,  ITALIA,  ROMAGNA in Love

Ferrara: cosa vedere in 5 ore

Metti un pomeriggio libero, una mostra da vedere e la voglia di fare un giro in una delle città più belle della mia regione: Ferrara, cosa vedere in 5 ore.

Ferrara è una città a cui sono affezionata. E’ nel mio cuore perché mi ha accompagnata nel mio percorso di laurea, è un po’ come una sorta di madrina. Forse, è proprio per questo ogni tanto sento la necessità di tornarci.

Nostalgia, malinconica, sicuramente si, ma passeggiare in solitaria nelle vie di questa città, mi rigenera. Complice la mostra dell’artista inglese Banksy, prendo la macchina e parto alla volta di Ferrara.

Ma cosa vedere in un pomeriggio a Ferrara?

Ferrara è detta anche la città della bicicletta, quindi perché no, nel caso tu ne abbia voglia non escludere la possibilità di caricare la tua bici in macchina e scoprire la città su due ruote.

Travel tips: parcheggiare a Ferrara è abbastanza semplice, ma io vi consiglio la zona della Darsena dove avrete due alternative, la prima è il parcheggio gratuito Ex-Mof, oppure il parcheggio Centro Storico (Piazzale Kennedy) a pagamento. Da entrambi, sarete comodi per partire alla volta del vostro itinerario a piedi alla scoperta della città. Che sia a piedi che sia in bici partiamo insieme alla scoperta di questa città dichiarata Patrimonio dell’Unesco!

Cosa vedere a Ferrara in 5 ore: VIA DELLE VOLTE

Dal parcheggio Kennedy la prima cosa che incontrate è proprio Via delle Volte, una piccola viuzza dal sapore tutto medioevale. Il nome deriva proprio dalle tipiche volte che caratterizzano quest’antica via.

E’ qui, che puoi trovare una delle più famose osterie ferraresi: l’Osteria degli Angeli, decantata per i suoi deliziosi cappellacci alla zucca. Cerca di arrivare per pranzo, scatta qualche foto e poi prosegui il tuo percorso lungo la via San Romano, caratterizzata da portici ai lati della strada per arrivare alla seconda tappa.

Cosa vedere a Ferrara in 5 ore: MUSEO DELLA CATTEDRALE SAN ROMANO E PIAZZA TRENTO-TRIESTE

Questa piazza è ariosa, grande e rappresenta il cuore del centro storico e della vita cittadina. Vedrai le persone intente a chiacchierare sui muretti, biciclette sfrecciare, campanelli suonare, studenti con gli zaini, turisti, insomma, è un tranquillo brulicare di vita.

Da qui puoi decidere di fare tre tipi di percorso:

fermarti a visitare il Museo della Cattedrale San Romano, andare verso il castello oppure verso il ghetto ebraico. Io decido per la seconda opzione e tenendo la destra vado verso Corso Mazzini.

Cosa vedere a Ferrara in 5 ore: GHETTO EBRAICO

Da Corso Mazzini, inizia lo snodo di uno più antichi ghetti ebraici italiani e devo dire che ancora ne conserva le atmosfere. Diversi sono gli edifici ancora intatti. Al numero 95 del Corso principale si trova la sinagoga ancora attiva, ma al momento chiusa per restauro.

Proseguendo troverai qualche cartello che ti indicherà la via migliore per visitare il quartiere ed entrare ancora di più all’interno del ghetto.

Le vie si stringono, le costruzioni si alzano e pure le suggestioni: è una passeggiata davvero toccante. Torna indietro, scendi lungo la stretta che si chiama Via delle Suore per arrivare in Via Savonarola. Puoi risalirla tutta fino ad arrivare al Museo di Casa Romei (al momento chiuso) e alla sede universitaria, oppure ritornare verso Piazza Trento-Trieste per visitare la cattedrale e tutto ciò che ci sta intorno.

Cosa vedere a Ferrara in 5 ore: PIAZZA DELLA CATTEDRALE

La Piazza della cattedrale e il suo sagrato sono imponenti. Purtroppo attualmente, la facciata della chiesa è in ristrutturazione, quindi parzialmente non visibile, ma puoi visitarla al suo interno. Dando la schiena alla cattedrale vai verso la Piazza Municipale sede del vecchio Ducato.

Appena entri sulla tua destra troverai lo Scalone monumentale, salite i gradini e raggiungete il piano nobile della Residenza Municipale e scoprine se hai voglia le sale. Dallo scalone monumentale puoi fare una foto molto bella della piazza dall’alto.

In questa piazza puoi anche trovare il flagship store dell’Università!

Esci da qui, da dove sei entrato e vai verso sinistra: ti aspetta il Castello Estense.

Cosa vedere a Ferrara in 5 ore: CASTELLO ESTENSE

Ho passato a Ferrara più o meno cinque anni per i miei studi e non sono mai entrata al suo interno perché sugli studenti pende una “leggenda leggendaria”.

Chiunque entri nel castello prima della laurea, non riuscirà a laurearsi”. Io non so se questo abbia un fondamento storico o sia più un’emulazione dell’Ateneo bolognese che ha lo stesso monito sulla torre degli asinelli, fatto sta che io per non saper né leggere e né scrivere, non sono mai entrata fino allo scorso anno.

La visita merita e ne vale la pena perché sarà un viaggio nella storia della corte estense. All’interno troverete una caffetteria e un bookshop, la prenotazione on line è fortemente consigliata

Proprio a fianco del castello, dal lato della Cattedrale puoi visitare gli spazi del grande e prestigioso teatro comunale.

Cosa vedere a Ferrara in 5 ore: PIAZZA ARIOSTEA E PALAZZO DEI DIAMANTI

Dopo aver visto il castello e il teatro scendi lungo Corso Giovecca, ad un certo punto gira a sinistra su Via Palestro e dirigiti verso la verde Piazza Ariostea, denominata così perché la statua di Ariosto è il suo guardiano. La particolarità di questa piazza è il piano ribassato e la forma ovale. Dai tempi antichi, ma anche in quelli contemporanei, è il luogo deputato alle corse del Palio estense di Ferrara.

Prendi il Corso Porta Mare e procedi dritto. Incontrerai l’Orto Botanico sulla sinistra e sulla vostra destra il Parco Massari fino al Palazzo dei Diamanti, denominato così per la forma a punta dei suoi muri.

Questo palazzo è sede della Pinacoteca Nazionale, ma è anche la sede di numerose e importanti mostre. E’ proprio qui che ho avuto l’occasione di vedere la mostra di Banksy.

Tenetevi aggiornati sulle mostre attraverso i loro canali ufficiali.

Torna indietro e ritorna su via Palestro, non perderti il gelato della Gelateria La Romana, sarebbe immorale!

Cosa vedere a Ferrara in 5 ore: MEIS

Prima di lasciare la città, tornando indietro al parcheggio, facendo una piccola deviazione, incontrerai il MEIS: il nuovissimo Museo Nazionale dell’Ebraismo Italiano e della Shoah. Purtroppo, non sono riuscita ad arrivare in tempo per visitarlo, ma è entrato di diritto nel programma della mia prossima visita.

Il Meis è costituito da una mostra e da un giardino aperti dal martedi alla domenica dalle 10.00 alle 18.00. Hanno un sacco di iniziative: orari e allestimenti potrebbero cambiare tenete d’occhio il sito ufficiale.

Cosa vedere a Ferrara in 5 ore: LE VECCHIE MURA.

Una volta ripresa la macchina, se ti avanza un po’ di energia concludi il pomeriggio con una passeggiata sulle vecchie mura di cinta della città.

Un percorso di circa 9 km eredità di una storia medioevale e rinascimentale incredibile: mura di difesa, dove potrete riconoscere tutta la storia difensiva della città. Durante la vostra passeggiata cercate porte storiche, baluardi, torrioni, fuciliere e cannoniere.

Attualmente le mura sono un posto in cui quasi tutti i ferraresi vanno a fare jogging, è un luogo tranquillo in cui correre o andare in bicicletta grazie anche a percorsi attrezzati ad hoc. Una passeggiata che sposa il colore delle pietre antiche al verde contemporaneo per una mobilità sostenibile e green.

Per organizzare al meglio la tua visita, stampa il documento in pdf dal sito ufficiale per essere sempre aggiornato sugli orari dei musei e dei monumenti ferraresi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *