EUROPA,  SPAGNA

VALENCIA: consigli pratici per la visita alla città

Alcuni suggerimenti e consigli pratici utili per organizzare la vostra visita a Valencia.

VALENCIA: come arrivare e come spostarsi

Da e per l’aeroporto. Arrivare in centro a Valencia dall’aeroporto è davvero facilissimo. Appena recuperati i bagagli basta seguire le indicazioni Metro e prendere la linea M5 o M3 direzione Maritim-Serreria. È quella che vi porterà direttamente in centro, in circa 30 minuti.

Per arrivare all’Oceanografic. Avrete due possibilità: prima parte in metro M3 o M5 direzione Maritim Serreria, fermata Alameda poi con una camminata di circa 30 minuti arriverete a destinazione. In alternativa, potrete utilizzare il Bus numero 1, 13, 14, 15, 19, 35, 95 e 40.

Per raggiungere la spiaggia. Potrete prendere il bus numero 95, 2, 19, 31, 32.

Il centro storico di Valencia è visitabile a piedi in tutta comodità.

Camminare, rimane il miglior modo per approcciarsi alla città. Nel caso in cui, vi stancaste di passeggiare, no problem, la Metro, facile e immediata, vi farà raggiungere i principali punti. Attenzione però: non ci sono fermate all’interno del centro storico, ma solo lungo il suo perimetro. Per spostarvi nel cuore della città è disponibile una rete capillare ed efficiente di Bus.

Un altro modo delizioso per visitare Valencia, rimane in assoluto il noleggio della bicicletta. Ottima per percorrere tutto il percorso ciclabile del Fiume Turia. Unica nota: per arrivare alla zona spiagge dovrete percorrere strade trafficate, quindi fate attenzione. Il percorso non è brevissimo, ma una volta arrivati là sarà fantastico pedalare per tutto il lungomare.

Potrete rivolgervi ai numerosi noleggi presenti in città, oppure aderire al programma Valenbisi, il servizio pubblico di affitto bici. Il noleggio costa più o meno 10/12 euro al giorno. Per info potete rivolgervi anche al vostro albergo, sapranno darvi indicazioni sul noleggio più vicino o più conveniente. Alcuni hotel hanno il servizio “rent a bike” interno, ancora più comodo!

VALENCIA: dove dormire

La nostra scelta è stata quella di alloggiare ai piedi del Centro Storico. Abbiamo dormito all’Hotel Mediterraneo, un hotel da poco ristrutturato e davvero molto carino, pulito e comodissimo per raggiungere qualsiasi punto del centro di Valencia. A prescindere dalla nostra sistemazione, il mio consiglio è proprio quello di pernottare in una delle zone centrali, risulta molto più comodo.

Dormire nei dintorni della Città delle Arti e delle Scienze è, invece, più scomodo e lontano da tutto. Stessa cosa lo è dormire verso il porto. Chiaro è che, se la vostra idea è stare in spiaggia, non ci sono dubbi, ma per passare tre giorni alla scoperta della città, dormire così decentrati non ne vale la pena.

In ogni caso a Valencia potrete trovare sistemazioni di qualsiasi livello. Io mi sono affidata all’oramai mio compagno di viaggio, Booking.

VALENCIA: cosa mangiare e cosa bere

Valencia, come in generale la Spagna, offre un panorama culinario e gastronomico molto interessante che ha come unica parola d’ordine: cucina mediterranea.

Una delle specialità che dovete assaggiare a Valencia è la tipica e originale paella valenciana che, a scanso di equivoci, è quella cucinata solo con le verdure. Troverete miriadi di locali che ve la propongono e avrete l’imbarazzo della scelta: vegetariana, con pesce, con carne, adatta a qualsiasi palato. Vi consiglio di fermarvi a mangiarla nella zona del porto (Las Arenas). Qui ci sono alcuni locali degni di nota, come “La Pepica” (meglio prenotare in anticipo) o “La Marcelina”.

Un’altra specialità, che rappresenta una vero e proprio lifestyle, è la tapas. In giro per la città troverete locali che servono tapas in ogni angolo. Ottime per un pranzo veloce o anche per una cena frugale da accompagnare ad una classica Cerveza o all’immancabile Sangria.

Troverete tapas create e abbinate nei modi più disparati e propense a sposare qualsiasi tipo di gusto. Io ho adorato SAGARDI (nella Via San Vicente Martir 6) sulla strada che collega Plaza dell’ Ayuntamiento a Plaza De La Reina. Mi raccomando assaggiate quelle con il prosciutto, imperdibili.

Una scelta azzeccata è quella di mangiare nei mercati: la gastronomia presente qui fa davvero gola. Potrete scegliere se sgranocchiare qualcosa “da passeggio”, come per esempio olive, assaggi di salumi e formaggi oppure se sedervi e mangiare con più calma.

Al MERCATO CENTRAL potrete pranzare al BAR CENTRAL, un piccolo bar che si trova sulla sinistra dell’ingresso principale, diventato famoso per le sue tapas accompagnate da fresca Sangria. Una curiosità: in questo posto si cucina con le materie prime comprate nello stesso mercato. Ottimi anche i centrifugati, i frullati e i succhi di frutta che potrete comprare nelle diverse bancarelle.

Non dovrete partire da Valencia senza aver assaggiato l’horchata o orzata: una bevanda fresca(dal sapore a mio avviso orribile) ricavata dalla Chufa, un tubero tipico della zona valenciana.

Viene servita abbinata ad un dolce chiamato Farton (davvero goloso) che, nemmeno dirlo, deve essere rigorosamente inzuppato nel bicchiere. Vi consiglio di berla nel locale storico HORCHATERIA DI SANTA CATALINA, proprio accanto all’ ingresso di Plaza Redonda.

Il locale è stupendo e appartenente alla tradizione, l’Horchata, bè è questione di gusti. Una cosa è sicura: dolce è dolce! Provatela!

Rappresentano un’interessante merenda, sia i churros con la cioccolata che trovate più o meno ovunque, ma anche un buon gelato da “Llinares” in Plaza De la Reina.

VALENCIA TOURIST CARD

La Valencia Tourist Card l’ho trovata un ottimo mezzo per visitare la città in tutta serenità. Io non sono molto propensa alle City Card, ma in questo caso devo ricredermi. Se andate a Valencia vi straconsiglio di farla. Potrete scegliere la Card a seconda delle vostre esigenze: 24/48/72 ore e incluso nell’acquisto, oltre ad avere sconti in diversi esercizi, musei, etc, avrete diritto a tutti i trasporti in città, metro e bus, compreso il trasferimento da e per l’aeroporto. COMODISSIMA!

Una volta comprata non dovrete più pensare a nulla e sarete liberi di godervi i vostri giorni in piena libertà.

Potrete acquistarla direttamente in aeroporto all’arrivo oppure anche on line. Io l’ho acquistata poco prima di partire direttamente all’aeroporto di Bologna. Con la Valencia Tourist Card avrete uno sconto del 15% sull’ingresso dell’acquario, del 10% al giardino botanico e l’ingresso gratuito alla Lonja De La Seta. Una volta acquistata la tesserina vi verrà rilasciato un libretto con tutte le scontistiche applicate e una mappa della città. Qui tutte le info.

VALENCIA: Come organizzare le visite

Non ho acquistato nessun tipo di biglietto on line, nemmeno l’ingresso all’ Oceanografico. Personalmente non ho trovato una particolare ressa o un’alta affluenza tale per cui dovessi stare per lungo tempo in fila. Molto, dipende dal periodo in cui arrivate in città.

Sono sempre favorevole all’acquisto di biglietti on line per evitare di perdere tempo, ma in questo caso mi sono sentita tranquilla di andare “allo sbaraglio”. Valutate il calendario di visita, chiaro che se siete qua a Ferragosto o per il classico weekend da ponte, partirei già preparata.

Se date un’occhiata al sito ufficiale dell’Oceanografic avrete la possibilità di acquistare e combinare i biglietti d’ingresso come meglio credete tra acquario, museo delle scienze ed Hemisferic/IMAX.

Per i consigli su come organizzare il vostro percorso, potete leggere alcuni consigli nell’articolo precedete.

“Valencia: cosa vedere in tre giorni”

Buona visita!!

6 commenti

    • lavaligiadipimpi

      Grazie mille!Mi fa piacere sapere che ti sono stata di aiuto! Buon Viaggio e goditi Valencia!Fammi poi sapere com’è andata!

  • Alessio Travellairs

    Bell’articolo dedicato a Valencia! La Marcelina e la Pepica sono tra i ristoranti più frequentati per mangiare Paella! Per chi ci andrà in futuro suggerisco anche il ristorante Yuso nella Ciutat Vella 🙂 prezzi normali e frequentato anche da spagnoli e valenciani

    • lavaligiadipimpi

      Grazie mille Alessio!Sono molto contenta che l’articolo ti sia piaciuto!Terrò a mente il tuo consiglio e spero che lo faccia anche chi ti legge! Speriamo di tornare presto a viaggiare perché mi manca tutto tantissimo!Soprattutto la progettazione!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *