USA

Memphis: scopri Elvis Presley a Graceland

A Memphis in Tennessee c’è la mecca del re del rock’n roll: Graceland, la villa di Elvis Presley. Scopri come e perché visitarla.

In un mondo di John e di Paul, io non vorrei essere stata Ringo Star, ma Elvis Presley!

Reduce dalla visione di quello che considero un capolavoro, ovvero il biopic di Baz Luhrmann su Elvis, vi voglio raccontare di quel giorno che sono stata Graceland.

Memphis è una delle città che ha fatto la storia.

A Memphis il 4 aprile del 1968 viene assassinato Martin Luther King e il 16 agosto del 1977 viene ritrovato senza vita nella sua casa Elvis Presley.

Una città che, se non fosse per la sua storia, rientrerebbe nella lista delle città di transito di un insolito on the road americano.

L’elemento che la rende speciale è la vibrazione di un’energia che percepirete non appena comincerete a passeggiare per Beale Street, la strada più famosa della città!

È la musica è l’elemento discriminante di tutta la storia che sto per raccontarvi: è a Memphis che potrete fare un salto indietro nel tempo e tornare ai favolosi anni 50, 60 e 70!

Prima di arrivare a Graceland ci fermiamo ai “Sun Studio”, tappa imprescindibile per gli amanti del rock, del blues e dell’R&B.

Scopri Elvis Presley a Graceland: Sun Studio

Gli studio sono definiti “The birthplace of the Rock’n roll” ed effettivamente il motivo c’è!

Johnny Cash, Elvis Presley, Carl Perkins, Roy Orbison, Charlie Feathers, Ray Harris, Warren Smith, Charlie Rich e Jerry Lee Lewis hanno contribuito a rendere questi studios i più famosi di tutti gli Stati Uniti: la Sun Record era la loro etichetta.

È davvero emozionante rendersi conto che, in questo piccolo e modesto studio di registrazione in una città quasi di provincia, qualcosa avrebbe cambiato per sempre il panorama musicale mondiale.

Visitare gli studio è unemozione e non esagero dicendo che prima di visitare Graceland, passare di qui è obbligatorio. Vedrete con i vostri occhi il punto in cui Elvis registrò il suo primo demo. La guida vi racconterà storie, aneddoti e curiosità.

Durante il percorso potrete vedere i cimeli delle leggende musicali e lo studio di registrazione originale.

Ascolterete le voci dei musicisti, le stesse voci che riempiono di un’energia inspiegabile questo posto, quasi come se fossero ancora li.

Ad oggi è uno studio di registrazione a tutti gli effetti! I Sun Studio si possono visitare tutti i giorni, ma vi invito a verificare nel loro sito ufficiale per capire se ci sono cambiamenti di programma dell’ultimo minuto.

Scopri Elvis Presley a Graceland: un po’ di storia

Graceland è ancora ad oggi uno dei posti più incredibili che io abbia mai visto nella mia vita. Uno dei posti in cui ho avuto la sensazione di esserci già stata e sono sicura che un giorno rivedrò.

Dopo che Elvis morì nel 1977 sua figlia, Lisa Presley ereditò la proprietà. Dal 1982 è stato aperto al pubblico come museo ed è stato inserito nel Registro Nazionale dei Luoghi Storici dal 1991. Nel 2006 diventa Monumento Nazionale Per i fan del Rock n’Roll è una vera meta di pellegrinaggio.

Graceland è la casa privata più visitata d’America con circa 650.000 visitatori all’anno, quasi più della White House.

A Graceland, si può scoprire il luogo che Elvis chiamava casa, visitare la bellissima villa e vedere i giardini ben curati. Si può persino entrare sull’aereo con il quale volava da un concerto all’altro.

Amarcord, memorabilia, dischi d’oro, abiti e auto sono in mostra per raccontare una storia: quella di Elvis e quella della sua famiglia.

Scopri Elvis Presley a Graceland: entrare nella “mansion”

Dopo aver parcheggiato l’auto e fatto il biglietto che, vi consiglio di aver già acquistato on line, verrete equipaggiati di un ipad e cuffie che, con la voce di John Stamos e Lisa Marie Presley sarà la vostra bussola per la visita. Non ci crederete mai: il racconto è disponibile anche in italiano.

Una navetta vi porterà di fronte all’ingresso e vi assicuro che quando le porte dell’iconico cancello con le note si spalancheranno, sentirete un’incredibile sensazione di felicità. Un portale spazio temporale che come un vortice diventerà polvere di stelle per portarvi in un mondo parallelo che vi lascerà a bocca aperta.

Il tour include: la casa, l’ufficio del padre Vernon, il Trophy Building, il Racquetball Building e il Meditation Garden.

Scopri Elvis Presley a Graceland: la casa

La prima tappa è l’atrio dove potrete vedere l’abbagliante soggiorno bianco, la sala da pranzo, le scale e la camera da letto della madre.

So che ve lo state chiedendo: il piano superiore, quello in cui venne ritrovato senza vita, è giustamente interdetto.

Dalla cucina passerai al piano di sotto e rimarrete a bocca aperta davanti alla famosa Jungle Room con i tappeti verdi a pelo lungo, l’atmosfera hawaiiana e il legno intagliato in modo esotico.

La sala da biliardo è ricoperta da centinaia di metri di tessuto plissettato sulle pareti e sul soffitto, meticolosamente mantenuto fino ad oggi.

Anche la sala TV non è da meno: un tripudio di giallo brillante e blu con 3 televisioni che Elvis teneva acceso sulle maggiori reti di un tempo contemporaneamente in ogni momento.

Scopri Elvis Presley a Graceland: gli esterni

Dopo aver visitato gli interni, passerete all’ufficio commerciale di Vernon Presley, il padre di Elvis. E’ lui che ha sempre gestito i suoi affari personali in collaborazione con Tom Parker l’impresario.

Visitate poi l’edificio dei trofei un luogo che racconta la storia della famiglia e della villa stessa. Osservate l’albero genealogico, l’abito nuziale di Elvis e Priscilla, i giocattoli e i ricordi dell’infanzia di Lisa, le chiavi di Graceland e altro ancora.

Passato il Racquetball Building, il campo da squash, è la volta del Meditation Garden, dove Elvis e i membri della sua famiglia sono stati sepolti, tra cui il gemello morto alla nascita.
I cancelli di quest’area sono aperti tutti i giorni dalle 7:30 alle 8:30 per i visitatori che vogliono fare omaggio all’artista senza visitare la tenuta.

Scopri Elvis Presley a Graceland: i musei

Da qui prenderete nuovamente la navetta per tornare all’edificio principale dove continuerete la visita: il museo delle auto, i “Live from Las Vegas”, gli abiti, i cimeli e la zona degli aerei.

Elvis acquistò un Convair 880 del 1958 nell’aprile 1975 e lo chiamò Lisa Marie in onore di sua figlia, spese più di $ 800.000 per ristrutturare il jet.

Dimentica il classico aereo: quando salirai a bordo ti renderai conto che tutto il velivolo è stato personalizzato. Soggiorno, sala conferenze, salotto e camera da letto privata, oltre a cinture di sicurezza placcate in oro, sedie in pelle scamosciata, tavoli rivestiti , lavelli con macchie d’oro a 24 carati e altro ancora.

Accanto al Lisa Marie c’è il Lockheed Jet Star più piccolo, ma sempre personalizzato da Elvis per il manager Parker e il suo staff.

Scopri Elvis Presley a Graceland: informazioni pratiche

Visitare Graceland non è un’esperienza economica, ma credo che sia una di quelle cose da fare almeno una volta nella vita.
I biglietti vengono differenziati in diversi pacchetti: si passa dal Gold al Vip fino alla democratica via di mezzo, la nostra scelta.

A circa 70 € a testa abbiamo scelto il l’ELVIS EXPERIENCE TOUR che comprende: la visita alla casa, tutti i musei, i suoi jet personalizzati e gli archivi. Credo che sia la giusta opzione per vedere tutto e uscire soddisfatti.

Consiglio di prenotare i vostri biglietti on line.

Scopri Elvis Presley a Graceland: mangiare e dormire

Nella zona delle biglietterie troverete gift shop, ristoranti e molto altro.
Avrete l’imbarazzo della scelta su dove mangiare, ma una cosa è d’obbligo: assaggiare l’Elvis Toast. Un sandwich con banane affettate e burro di arachidi semplicemente buonissimo!

Per un’esperienza immersiva pernotta nell’hotel Guest House Graceland (l’ex Heartbreak Hotel) che nelle tariffe include anche il biglietto di ingresso.

Si tratta di un hotel a servizio completo con circa 450 camere spaziose, due ristoranti e persino un teatro da 464 posti per spettacoli dal vivo e film.

Graceland offre anche un’opzione per camper e campeggio. Si trova a pochi passi dalla Mansion e si trova su 19 acri di terreno appena fuori dalla Elvis Presley Boulevard.

Dopo aver letto tutto questo non solo ti invito a valutare l’dea di un on the road sulla strada della musica, ma anche di a vedere il film che a mio parere resterà uno dei più belli che io abbia mai visto!

2 commenti

  • Barbara

    Se, all’inizio dell’articolo, portavo un certo scetticismo per la visita, al termine l’emozione ” del voler visitare” mi ha piacevolmente coinvolta. È proprio vero: Graceland è proprio da visitare almeno una volta nella vita.

    • lavaligiadipimpi

      E’ un posto davvero magico! Credo che ne valga proprio la pena, anche solo per il fatto che ancora viene gestito dalla famiglia stessa 🙂

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.