ROMAGNA in Love

Romagna Mia: viaggio nel cuore delle tradizioni

Casadei e il suo cavallo di battaglia “Romagna Mia”. Passate di qua e capirete perché ancora oggi la Romagna balla con il cuore di una volta. Attenzione: contiene slung tipico!

Se c’è una cosa che fa arrabbiare i romagnoli è sentirsi dire che sono emiliani.

Il risentimento si scatena ai massimi livelli quando, gli “ignurent”, scambiano la Romagna per l’Emilia. Non riusciamo proprio a capacitarci della questione. Eppure, la geografia è un po’ come la matematica, difficile che sia un’opinione, e ti chiedi come sia possibile che le persone possano fare “un marone” di questa portata.

I romagnoli hanno carattere, è scientificamente provato.

Io ho verificato questa tesi guardando i miei nonni. Instancabili lavoratori nei campi che non hanno mai negato un bicchiere di sangiovese e una fetta di ciambella da “tocciare” a nessuno.

La Romagna per me è tante cose, ma soprattutto è casa.

La amo in tutte le sue sfumature e in tutte le sue stagioni: dal profumo di caldarroste e vin brulè, al profumo dei sardoncini fritti sul lungomare in estate. Diciamocela tutta, in Romagna c’è sempre qualcosa da fare, che sia Gennaio o Agosto. Se poi c’è la neve non è un problema, si tira fuori il matterello e si fanno 4 uova di cappelletti.

La Romagna è il calore, la genuinità e la battuta “sporca” mentre si striscia, si bussa, si vola giocando a Marafone fuori dal Bar Roma.

E’ la festa del paese con i tortelloni e i cappelletti fatti dalle mani instacabili delle azdore.

E’ il valzer, la Mazurka e la Polka dove tiri su la gamba o ciocchi la frusta da vero sciucaren!

La Romagna è la sua gente, i romagnoli Doc e la sua ospitalità.

A chi mi chiede: “vengo in Romagna, dove mi consigli di andare?”, rispondo che la Romagna è una filosofia di quelle che poi, non puoi più farne a meno. Rispondo che è un posto dove puoi trovare qualsiasi cosa tu voglia fare: natura, sport, benessere, arte, cultura, spiaggia, collina, cibo e vino. La Romagna offre un ventaglio di possibilità che abbraccia ogni gusto ed ogni esigenza.

Basta che vieni qua e al resto ci pensiamo noi!

La mia terra deve essere vissuta, ma soprattutto deve essere raccontata.

Get your Rimini Experience by Romagna Welcome

Il “Get Your Rimini Experience”, è stata una Game Experience organizzata da Happy Minds in collaborazione con il portale Romagna Welcome e Promozione Alberghiera, per questo scopo: raccontare la Romagna sotto diversi punti di vista. Creare itinerari di scoperta differenti e creativi.

Un’esperienza intensa che, mi ha permesso di vivere e guardare la mia terra con gli occhi da turista. E sapete cosa ho scoperto? Che spesso accade di dimenticarsi delle risorse e delle bellezze del proprio paese. Non dobbiamo farlo!

Così, quattro squadre si sono perse per le strade romagnole battendo quattro itinerari differenti. Il mio non avrebbe potuto essere diverso da quello che ho scelto: la Romagna vista dal punto di vista artistico e della movida: Arts & Lifestyle, appunto.

Sei cose da non perdere in Romagna

Ravenna, Patrimonio dell’Unesco

Ravenna ha 8 monumenti che rientrano nel Patrimonio dell’Unesco.

Nel lontano 402 fu capitale dell’Impero Romano d’Occidente, incontrando culture e religioni che univano e dividevano Oriente e Occidente. La cultura di Teodorico si fonde con la cultura bizantina e lascia a questa città un capitale artistico e culturale incredibile.

Mosaico, oro, madreperla, notti stellate e tanto altro, rendono questa città una tappa imperdibile per chi arriva in Romagna e per chi è amante dell’arte.

La Basilica di San Vitale, il Mausoleo di Galla Placidia, il Battistero Neoniano, il Museo e la cappella Arcivescovile e la Basilica di S. Apollinare Nuovo, rientrano tutti nel biglietto cumulativo per la vostra visita guidata. Nel percorso organizzato da OrienteOccidente, potrete anche inserire la superlativa Basilica di S. Apollinare in Classe e la Domus dei Tappeti di Pietra.

La soluzione ottimale è quella di dedicare a questo percorso la mattinata, in modo da immergervi completamente nella storia antica, per poi passare nel pomeriggio ad una visita leggermente più “underground”,  scoprendo un altro tipo di lato artistico della città: quello della controcultura, ovvero, quello della Street Art.

Alcuni quartieri sono un museo a cielo aperto con pitture murali create da famosi Writer, come Kobra. Il colore e l’estro sui muri, su case e su ponti, sono un po’ l’ultima tendenza di diversi comuni romagnoli e non solo. Un’idea interessante sarebbe quella di noleggiare una bicicletta e cominciare una vera e propria caccia al tesoro di questi capolavori.

Vi consiglio di farlo sgranocchiando un cono di cappelletti al formaggio fritti fatti da “Al Cairoli”. Unione di tradizione e di modernità anche dal punto di vista culinario.

Rimini Day & Night

Rimini è una città incredibile. Città di mare, di collina e di cultura tutto insieme. È davvero un caleidoscopio di attività per tutti i gusti e per tutte le età: mostre, cinema, edifici storici, sport acquatici, spiagge, discoteche, parchi di divertimento e chi più ne ha più ne metta.

Rimini regala chicche imperdibili partendo proprio dal Bike Tour organizzato da Bike Tour Rimini, che vi porta pedalando tra le bellezze artistiche della città. Si parte dallo storico Grand Hotel, fino ad arrivare al cuore della città, il Quartiere San Giuliano, il mio preferito.

Anche qui, la Street Art dedicata a Fellini e localini in cui fermarsi a mangiare qualcosa non mancano, ma soprattutto questo è il posto dove troverete i veri riminesi.

Al tramonto, non perdetevi l’aperitivo più lifestyle della zona, quello al Darsena Sunset Bar. Una curiosità: è l’unico posto in cui potrete godervi il tramonto sul mare, perché? Ve lo racconterò.

Dopo aver bevuto uno Spritz veloce, prendete il bus e arrivate sotto l’Arco di Augusto per una visita guidata tutta particolare chiamata Notturno d’Arte. Un percorso serale centrato sulla storia, sulle architetture e sulle curiosità della città: la Piazza, il Teatro Galli, le vecchie pescherie, il Tempio Malatestiano, il ponte di Tiberio, la Rocca appena riqualificata e il Cinema Fulgor, sono solo alcune delle tappe di questo suggestivo percorso sotto la luce delle stelle.

Tenuta vinicola Mara

Appena sopra Rimini, tra le sue colline esiste questo luogo che appartiene ad un’altra dimensione.

Varcare il suo cancello è come oltrepassare un portale che racchiude l’essenza dei moti della terra: il sole e la luna.

Questa azienda vinicola è incredibile, non sapevo di questo posto e mi sono meravigliata di tanta bellezza e cura. La sua particolarità è a tutto tondo, a partire dalla filosofia di coltivazione biodinamica nel rispetto totale della natura e del suo corso, fino ad arrivare all’importante aspetto artistico della tenuta stessa quale collezione d’arte. Ve ne accorgerete in tutte le sale destinate alle diverse fasi di produzione di questo Sangiovese estremamente prestigioso.

Entrerete in nicchie surreali, in stanze magiche, mistiche in cui le energie e i canti gregoriani si fondono per compiere l’incredibile trasformazione dell’uva in vino.

Natura e Arte di uniscono in un unico coro per creare ciò che degusterete. Un’opera d’arte Doc che si chiama MaraMia. Vi racconterò prestissimo di questo posto perché dovete assolutamente visitarlo, sono sicura che ve ne innamorerete!

Labirinto Effimero

Ad Alfonsine Carlo Galassi e la sua azienda agricola sono i precursori della creazione del labirinto sospeso ed effimero ( in mais) in Romagna.

Il labirinto in quanto tale, evoca sempre qualcosa di magico, ma raccontato da Luigi Berardi, l’artista vero e proprio del tracciato, è come essere toccati da un incantesimo e ve ne parlerò.

Inutile dire che, il posto è delizioso e che Carlo è una persona piena di entusiasmo che vi accoglierà nel migliore dei modi, non solo per affrontare il labirinto, ma anche per una cenetta in un’atmosfera davvero romantica.

Ricordate una finezza molto importante: non sempre importa uscire dal labirinto, importante è trovare cosa nasconde nel suo centro. Del resto tutti i labirinti, nel loro cuore, nascondevano quelli che Berardi chiama, “luoghi buoni”.

Pic Nic sotto gli Ulivi

A questo insolito Pic Nic ho dato un titolo: “Storia di una tovaglia a quadretti e di un cestino di vimini”.

Cosa c’è di più semplice di una tovaglia e di un cestino? Saranno anche banali, ma la loro immagine quanti ricordi possono scatenare?

La vera forza di Scamporella è proprio questa: la semplicità di essere semplice, ma al tempo stesso dentro ad ognuno di noi.

Aver pensato all’idea che tutti avevamo da piccoli è stato geniale.

Il Pic Nic, è mangiare giocando.

Questo posto è semplicemente divertente, a partire dal viaggio in trattore per arrivare sulla collina degli ulivi, dove le mutandone della nonna, stese sui fili per i panni, ti strappano una risata.


Le tovaglie a quadretti, i cestini di vimini, le lucine appese che sembrano lucciole e i palloncini danno all’ambiente un’aria tutta Shabby Chic, ma anche tanto giocosa.  Abbinati al giusto outfit, ti fanno sentire fuori dal tempo e fanno uscire l’anima di fanciullo che è in te.

Scamporella è leggerezza.

Dovete venire qui per l’atmosfera pazzesca.

Scamporella è una serata da passare in compagnia in mezzo alla natura, all’insegna della lentezza e dei piedi scalzi sul prato.

La voce ai Romagnoli

Il primo incontro che ho fatto nel mio percorso #Gyre, è stato quello con Davide, il proprietario dell’hotel in cui alloggiavoHotel Aurea” di Miramare.  Un delizioso albergo con 38 camere completamente ristrutturato,  fatto su misura per me, a partire dal cuscino a righe bianche e azzurre con la barchetta appoggiato sul mio letto.

Davide racconta del suo albergo con entusiasmo e alla mia domanda “cos’è per te la Romagna”, risponde che la Romagna è la sua gente, la sua passione, la sua ospitalità e la sua accoglienza.

È l’attenzione ai dettagli  come i colori delle sue stanze, bianche e rosse, i colori di Rimini.

È l’entusiasmo di raccontare la nostra terra, esaltandone la bellezza e la genuinità.

E’ il “fatto in casa” come una volta, come la loro golosa colazione, asso nella manica.

Davide, conclude dicendo: “non vorrei abitare da nessuna parte se non qui”.

Bè, da buona romagnola non posso che essere d’accordo con te!

Se passate di qui andate all’Hotel Aurea, Davide vi saprà coccolare al meglio, vi farà sentire a casa!

La Romagna è un’esperienza e in quanto tale dovete viverla stando a contatto con chi la abita!

Queste che vi ho raccontato sono solo alcune delle tante attività che potrete vivere.

Sbirciate sul portale Romagna Welcome e capirete quante cose si possono fare in Romagna!

Utilizzando il codice sconto PIMPIGYRE avrete lo sconto del 10% su ogni experience!

Grazie Promozione Albergiera!

Grazie Happy Minds!

 

 

 

 

 

2 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *