Misteri ed Enigmi da risolvere a Rocchetta Mattei: visita al castello

A Grizzana Morandi, provincia di Bologna, un misterioso castello vi conquisterà. Misteri, enigmi e simbologie esoteriche degne del Codice Da Vinci: benvenuti alla Rocchetta Mattei.

A circa un’oretta di macchina da Bologna, si arriva a Grizzana Morandi, un piccolo paesino di provincia che nasconde una ricchezza inaspettata. Oltre ad un paesaggio incredibile, Rocchetta Mattei si erge proprio qui, su una piccola  collina in mezzo a tante altre piccole sorelle. E’ li, vanitosa ed elegante. Con le sue torrette dorate e arabeggianti sembra quasi una moschea.

Che l’atmosfera sia particolare te ne accorgi subito. Forse, è proprio vero che, questa eredità di Matilde di Canossa e acquistata poi dal conte Mattei, nasconde energie particolari.

La visita è guidata e vi porterà alla scoperta di quelli che sono i misteri presenti in un originale castello. Ma attenzione, è proprio questo il punto. Rocchetta Mattei non è solo originale, ma è molto di più.

Tutto ha un significato e un senso.

Usate gli occhi per vedere.

Enigmi e misteri a Rocchetta Mattei

La Rocchetta fu comprata dal Conte Cesare Mattei nel 1850 e fu riprogettata e ristrutturata in maniera assolutamente autonoma, attenendosi alle più importanti regole astronomiche. Le stesse che regolano la costruzione di opere d’ arte ben più complesse, come le Piramidi egizie e azteche o le cattedrali gotiche. Ogni torretta che si erge sopra la Rocchetta corrisponde ad un pianeta e, sia l’ingresso che l’uscita sono allineati, rispettivamente, ai solstizi d’estate e d’inverno del 1881.

Come  spiega la nostra carismatica guida, Ermenegildo, se mettessimo sopra a Rocchetta Mattei una piantina del sistema solare tutto coinciderebbe, vi dice qualcosa?

Già cominciamo ad addentrarci in quello che è il tema principale della visita guidata e cioè: i misteri, gli enigmi, gli intrecci di energie positive e negative, i simbolismi, le vibrazioni, le frequenze e i dualismi. Tutti concetti alla base delle filosofie che possiamo chiamare “esoteriche”. Ma Mattei aveva uno scopo ben preciso, tutto ciò serviva a raggiungere un unico obiettivo: guarire le persone. Questa era la mission dello stravagante Conte.

Alchimia ed Elettromeopatia

Mattei fece di questa rocchetta il suo studio e il suo laboratorio.

L’elettromeopatia è una terapia studiata e messa in pratica dal Conte nella metà del XIX secolo. Incredibile pensare come la coniugazione di fluidi ed elettricità potesse essere solo pensata in quegli anni. Si tratta del 1845. Incredibile ancora di più, pensare che l’elettromeopatia sia stata una delle prime medicine alternative più usate al mondo tra la fine del 1800 e l’inizio del 1900. Una formulazione dinamica di rimedi di tipo erboristico e l’impiego di fluidi elettrici sta alla base di questa terapia.  Una sorta di medicina vibrazionale.

Ecco perchè, il concetto madre è proprio la creazione di energia.

Positiva o negativa che sia, quando sarete in questo castello la sentirete, sarà suggestione forse si, ma davvero tutto ha un sapore assolutamente enigmatico. A partire da tutta la simbologia che incontrerete durante la visita: leoni, ippogrifi, gargoile, fiori, fulmini, l’utilizzo dei colori opposti come il bianco e il nero o l’impiego di diversi materiali in posti specifici del castello, come il legno o la pietra. Enigmatica è anche la stessa terapia inventata dal Conte che, oggi non si pratica più, fino ad arrivare all’entusiasmo e alla preparazione con cui le guide vi accompagneranno in questo percorso. Saranno loro che stuzzicheranno la vostra curiosità a saperne di più e saranno ben disponibili a rispondere a qualsiasi domanda.

Interessante sarà addentrarsi in questi corridoi, scale e stanze per scoprire volta per volta quali misteri ed enigmi nascondono. Incantevole è il cortile dei Leoni, una perfetta riproduzione di un angolo moresco che trovate all’interno dell’Alhambra a Granada, oppure la Chiesa che riproduce le arcate tipiche della Mezquita di Cordoba. Un incanto.

Sarà davvero come leggere il Codice Da Vinci, ogni elemento aprirà finestre di riflessioni e mille interrogativi.

Informazioni utili

Rocchetta Mattei è aperta nei weekend dalle ore 10.00. Occorre la prenotazione che potrete fare tramite il sito web dedicato. Attenzione!!Non saranno accettati visitatori senza prenotazione.

L’ingresso costa 10 euro e il pagamento avverrà direttamente in loco, tramite contanti.

All’interno della Rocchetta troverete i bagni, ma non bar o ristoranti, per quelli dovrete scendere nel paesino appena sotto.

Potrete parcheggiare facilmente lungo la strada accanto al castello.

Si possono scattare fotografie e acquistare interessanti pubblicazioni alla fine del giro.

Un consiglio: la visita non è adatta a bambini piccoli. Per loro risulterebbe noiosa e si potrebbero creare situazioni di disturbo come è successo all’interno del nostro gruppo. In certi frangenti è stato impossibile ascoltare.

Per qualsiasi informazione potrete contattare il Gruppo Studi Cesare Mattei onlus oppure scrivere a  visitarocchetta@gmail.com

 

 

 

4 pensieri su “Misteri ed Enigmi da risolvere a Rocchetta Mattei: visita al castello

  1. Visiterò Rocchetta Mattei fra qualche settimana! Grazie per questo post! È un sito che mi ispira molto, soprattutto quando ho visto in internet gli interni che mi ricordano l’Andalusia!
    Ps: avete fatto dei viaggi in oriente stupendi!!! Da anni sogno la Cambogia e il Vietnam!!!

    1. Grazie mille Valentina!Gentilissima!!Rocchetta Mattei è davvero affascinante, incredibile! La visita guidata in questo è utilissima!Questo Mattei era davvero molto eccentrico, ne scoprirai delle belle!!Spero che tu possa ben presto organizzare il tuo viaggio dei sogni!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *