ASIA,  VARIE

I Cat cafè: cosa sono e dove trovarli

Hai mai sentito parlare dei Cat Cafè? Amanti dei gatti preparatevi: ci sono notizie per voi!

La sola parola “Cat Cafè” innesca curiosità, simpatia e coccolosità.

Ammeto che, potrebbe anche esserci chi può considerare questo tipo di locali, la solita “diavoleria” per fare marketing. In realtà dietro ai Cat Cafè c’è una storia e anche una nobile motivazione.

Era un pomeriggio afoso e caldo del gennaio 2018 quando a Chang Rai mi imbatto in un Cat Cafè, il primo mai visto in vita mia!

All’epoca ne avevo solo sentito parlare, quindi spinta dalla curiosità sono entrata trascinando con me (più o meno a forza) mio marito e ho scoperto questo fantastico mondo fatto di fusa e profumo di caffè.

Ma andiamo per ordine.

I Cat Cafè: la storia

I Cat Cafè sono un’invenzione piuttosto recente. Nascono in Asia, per la precisione a Taiwan verso la fine degli anni 90, frutto del fatto che, diverse ricerche mediche dichiararono che accarezzare i gatti portasse benefici alla salute.

Successivamente questa tendenza arriva in Giappone.

Si moltiplicano i Neko Caffè che, attualmente, sono un centinaio. Il bisogno, in questo caso, è di matrice sociale, ma comunque legato alla sfera del benessere, ovvero la necessità di contatto con animali domestici che, per tradizione o per mancanza di spazio non sono così diffusi nelle case dei giapponesi.

In Europa, secondo i dati di Wikipedia, Il primo Cat Cafè inaugura a Vienna nel 2012, a seguire quello di Parigi e Madrid nel 2013 fino ad arrivare alla prima inaugurazione italiana nel 2014 “MiaGola” caffè a Torino.

Obiettivamente, non appartengo alla categoria dei fissati, ma se mi capita di incontrarne qualcuno e ne ho il tempo, allora è un momento di pausa che prendo volentieri.

È successo così durante il mio ultimo viaggio a Bangkok, il Caturday Cafè si trovava proprio di fronte al mio hotel, come resistere?

I Cat Cafè: come funzionano in Asia

All’interno di un Cat Cafè troverai decine di gatti, dovrai entrare a piedi scalzi e lavarti le mani. Prassi che non deriva dal Covid, ma proprio dalla regolamentazione del locale.

Solo a quel punto potrai entrare e accomodarti scegliendo tra tavoli classici (ove ce ne siano) o su cuscini a terra davanti a piccoli tavolini bassi. Questa è un’ottima location perché i gatti saranno incuriositi e prima o poi arriveranno per studiarti.

Devi partire dal presupposto che il Cat Cafè è la casa dei gatti che lo abitano: sono loro i padroni assoluti di questo spazio.

Possono muoversi ovunque saltando in qua e in là, arrampicandosi nei castelli di corda creati ad hoc, dormire in graziosi cestini oppure accoccolarsi sulle tue ginocchia. Questo, non vuol dire che sei autorizzato a strapazzarli, a tirare code o orecchie e via dicendo.

Occorre avere la massima attenzione ed essere delicati il più possibile. Se entri in questo posto con dei bambini abbi cura di spiegargli bene che i gatti non sono pupazzi.

I Cat Cafè sono pulitissimi così come gli amici pelosi che troverete al suo interno, difficilmente sentirete strani odori. Una nota di attenzione: in Asia l’aria condizionata è a bomba, prendete con voi una felpa.

La consumazione è obbligatoria, non potrete entrare solo per curiosare, ma per consumare. Troverete caffè, tea, succhi di frutta, smoothie, ma anche patatine fritte e simili.

Per entrare al Caturday Cafè di Bangkok dovrai pagare un voucher di 200 bath per la tua consumazione. Significa che potrai spendere 200 bath o più (pagando poi l’eventuale differenza) oppure di meno, ma non sarai rimborsato. Non ci sono limiti di tempo, potrai stare quanto vorrai.

Questo Cat Cafè si trova di fronte all’Asian Hotel di fianco alla Co-Co Walk, fermata BTS Ratchatwi.

Cat Cafè: dove si trovano i più famosi nel mondo

Ecco una lista veloce dei Cat Cafè più famosi del mondo:

  • New York, Koneko NYC: nel cuore della Grande Mela si trova il KoneKon, il Cat Cafè di New York dove, oltre a fare merenda, potrai adottare il tuo micio preferito.
  • Amsterdam, Kattencafe Kopjes: dopo aver pedalato tra tulipani e mulini a vento è il momento giusto per una pausa super pelosa!
  • Parigi, Le café des chats: questo posto sembra fatto apposta per rivivire le atmosfere bohèmien di Parigi. Si trova nel quartiere Marais.
  • Bruxelles, Le New Chatouille: come in quello di New York la particolarità di questo è che in questo posto si trovano gatti trovatelli e pronti per essere adottati
  • Madrid, La Gatoteca: solo il nome mi fa impazzire!
Foto del Kattencafè prese dal web

Cat Cafè: dove si trovano i più famosi in Italia

La cat-mania è arrivata anche in Italia, ecco una lista di quelli più famosi:

  • Il Romeow Cat Bistrot di Roma un ambiente bohémien con cucina vegana molto raffinata. Il menù è tutto rigorosamente bio, mentre i gatti fanno le fusa sul divanetto.
  • diCaneinGatto in provincia di Udine. Un look industrial vintage per una caffetteria/libreria. Ti sentirai proprio a casa, dove il massimo della coccola è leggere un libro sorseggiando un tè con il gatto sulle ginocchia. Il locale sostiene l’associazione dedicata, Zampa su Zampa.
  • Gattò Bistrot a Portici, nel napoletano specializzato nelle birre artigianali.
  • Crazy Cat Café a Milano aperto nel 2015 è molto sensibile al tema del randagismo. La cosa curiosa è il loro angolo shop chiamato “gattara”
  • Neko Cafè di Torino nel quale sono stati accolti 9 gatti che vi faranno compagnia durante l’ora del thè.
Foto del Kattencafè prese dal web
Foto del Romeow di Roma prese dal web

Sei pronto per la tua speciale Pet Therapy?

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.