ASIA,  FILIPPINE

Moalboal: cascate, tartarughe e Sardine Runs

Moalboal, meta imperdibile di un tour nelle Filippine se siete appassionati di sub e snorkeling. Un viaggio tra le meraviglie del mare e non solo.

Moalboal è stata la nostra seconda tappa alla scoperta dell’isola di Cebu nelle Filippine.

Moalboal è una famosa località per lo snorkeling, ma soprattutto per tutte le attività legate al diving perché, è proprio qui, che potrete vedere due meraviglie della natura: le tartarughe di mare a pochi metri dalla riva e la famosa “Sardine Runs”.

Moaboal: come arrivare

A Moalboal ci si arriva da Cebu City scegliendo tra 3 soluzioni.

Dirigetevi alla Bus Station Sud, da qui partono i Ceres Bus senza aria condizionata che, impiegheranno circa tre ore e mezza di tempo per arrivare. Sarà un viaggio caldo e scomodo con fermate ogni dieci minuti. Un vero calvario! Non fate come noi e se potete scegliete una delle opzioni a seguire.

Meglio andare alla Bus Station Nord chiamata V-Hire e prendere un Ceres Bus con aria condizionata, ci impiegherete molto meno tempo e viaggerete sicuramente più comodi! Da questa stazione volendo partono anche i van, un po’ più cari, ma più veloci.

Arrivati a Moalboal non è finita! Una volta scesi dal bus dovrete contrattare un mototaxi per arrivare al vostro alloggio che, molto probabilmente, avrete prenotato a Panagsama Beach. Trovarli sarà facile perché in linea di massima sono gli stessi taxisti che aspettano voi alla fermata dell’autobus, vi costerà circa 150 pesos, ma se contrattate potranno scendere fino a 120. Il tempo di percorrenza è di circa 10/15 minuti.

Moalboal: cosa vedere

Moalboal è una località spartana, senza le spiagge bianche e lunghe tipiche di alcune isole filippine, o meglio ne troverete solo una, White Beach. Si tratta di un lungo tratto di spiaggia bianca dove potersi rilassare al sole a nord della più ridotta Panagsama Beach. Potete raggiungerla o noleggiando uno scooter oppure facendovi portare da un trycicle.  Nel pomeriggio non esiste ombra, non ci sono ombrelloni a disposizione o alberi sotto i quali ripararsi, inoltre il mare tende ad essere mosso.  Sicuramente meglio stare qui in mattinata.

A Moalboal ci si viene per 4 cose principali: il diving, le sardine, le tartarughe e un aperitivo al tramonto da mozzare il fiato.

Moalboal: Sardine Runs

Ma cosa s’intende con questo termine? Cos’è quella che tradotta in italiano sta letteralmente per “corsa delle sardine”?

Qui a Moalboal potrete essere spettatori di uno spettacolo che non ha eguali. Se in prima battuta la città risulta quasi anonima e molto semplice, non preoccupatevi la sua vera forza sta in quello che troverete sotto l’acqua.

La colonia di sardine più grande del mondo è qui. Sarete spettatori di una danza incredibile fatta di movimenti repentini, cambi di direzioni e vortici ad opera di milioni e milioni di piccoli pesci che sembrano non avere una fine.

Un’esperienza suggestiva che vi meraviglierà, vi divertirà e vi commuoverà perché la natura sa davvero in che modo stupirci con la sua bellezza. Vedere un numero così impressionante di pesci muoversi all’unisono lo rende uno spettacolo come pochi al mondo.

Prendete con voi maschera e boccaglio, dirigetevi verso il Chilli Bar. Dopo averlo superato prendete la prima stradina sulla sinistra e buttatevi in mare. Non crederete ai vostri occhi!

Purtroppo dovrete fare i conti col fatto che tante persone saranno qui come voi per vedere questa meraviglia, quindi ci saranno tante barche e tante persone. Prestate attenzione a dove nuotate.

Travel Tips: non dimenticate di mettere nella vostra valigia le scarpette da scoglio, sono necessarie. Nel caso ve le siate dimenticate le troverete anche in città. Sarebbe cosa buona e giusta partire con il proprio snorkeling kit: maschera e boccaglio. Anche in questo caso, se ne siete sprovvisti, non avrete difficoltà a noleggiarle.

Moalboal: le tartarughe

È qui che con commozione e immensa meraviglia ho visto per la prima volta una tartaruga marina enorme, bellissima, elegantissima. Peccato che proprio sul più bello, la GoPro mi abbia abbandonata!

Guardando fronte a voi la spiaggia Panagsama Beach vi dovrete spostare dalla parte completamente opposta da quelle delle sardine, ovvero verso sud, cioè alla vostra sinistra. Prendete la direzione Love’s Beach & Dive Resort, scendete dalla scaletta in pietra, continuate lungo la spiaggia e quando arriverete nella zona dei pescatori potrete cominciare ad immergervi in acqua e nuotare verso il largo. In realtà vi accorgerete che siete arrivati nel posto giusto dalle barche e da alcuni snorkelisti come voi. La cosa positiva è che non è un luogo così affollato come quello delle sardine perché è possibile vedere le tartarughe in diversi spot.

Travel Tips: nel pomeriggio la marea tende ad alzarsi. Tenete in considerazione questo fenomeno se non siete dei nuotatori provetti. L’orario ideale per cercare le tartarughe ci hanno detto essere circa mezzogiorno. Abbiate pazienza e vedrete che ne sarete ripagati.

Moalboal: Kawasan Falls

Le Kawasan Falls si trovano ad una ventina di km da Moalboal. Ci siamo arrivati in totale autonomia noleggiando uno scooter a circa 250 pesos al giorno. Lungo la strada non ci sono cartelli che indicano in maniera chiara la direzione, per questo, se avete dubbi, fermatevi a chiedere a qualcuno saranno tutti ben lieti di darvi precise indicazioni. Altrimenti, vale la tecnologia: tenete a portata di mano Google Maps.

La strada, in ogni caso è sempre dritta, quando sarete nei pressi delle cascate ve ne accorgerete perché i tour office legati al canyoning o attività simili si moltiplicheranno. Ad un certo punto dovrete parcheggiare e proseguire a piedi.

Dopo 15/20 minuti di camminata arriverete alla cascata principale, quella più grande, le altre due sono più piccole. Lo spettacolo è molto bello, peccato per la gente e per le costruzioni di ristoranti a fior d’acqua che rendono il tutto davvero poco armonico. Se, però vi spostate e proseguite verso le altre due cascate, vi accorgerete che la situazione migliorerà: meno gente, meno interventi fatti dall’ uomo, tanta tanta natura.

Potrete fare il bagno e tuffarvi da altezze diverse: da 3 fino a 12 mt, ma lo potrete fare solo accompagnati da una guida esperta e indossando il giubbotto di salvataggio. Sono tantissime le attività legate al trekking, al canyoning o al kayak che vengono organizzate, avrete l’imbarazzo della scelta.

Volete partecipare ad una di queste attività?

Chiedete informazioni alle agenzie disseminate lungo la strada prima di arrivare alle cascate oppure direttamente a Moalboal.

Moalboal: tramonto sulla spiaggia, cena e spa

A Moalboal la vita serale non è proprio quella in Bangla Road a Phuket, ma si può far serata nel mood tipico del luogo.

Come?

Concedetevi un bel cocktail sulla spiaggia, diversi locali propongono l’Happy Hour, fate una cena in uno dei tanti ristoranti presenti nella piccola via principale e per finire concedetevi un bel massaggio in una delle Spa a pochi euro. Un’ultima passeggiata e molto probabilmente tornerete al vostro alloggio.

Moalboal: dove alloggiare

A Moalboal gli alloggi non mancano, ma è vero anche che sono semplici e poco pretenziosi. Le strutture si stanno moltiplicando, quindi sicuramente nei prossimi anni l’offerta subirà un drastico cambiamento.

Potete scegliere di alloggiare nei costosi resort accessoriati con pacchetti per le attività diving, come il Quo Vadis Beach Resort oppure in una delle tante guesthouse. Come sempre ci siamo affidati a Booking e abbiamo scelto di alloggiare in una zona più defilata dal centro (a circa 80 mt). La struttura carinissima e nuovissima si chiama Anchorage Inn. Un piccolo hotel con 5 stanze a tema sailor.

Vuoi scoprire come organizzare un viaggio fai da te nelle Filippine? Leggi il mio articolo in cui trovi tutti i consigli per farlo bene!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *